Oceanic Bodywork Aqua


CENTRO CLINICO ITALIANO ADHD



Centro clinico per la diagnosi e il trattamento

dell'ADHD e i disturbi del comportamento


dall'infanzia all'età adulta

OCEANIC BODYWORK AQUA (OBA)

PER L' ADHD E DISTURBO DEL COMPORTAMENTO



Collabora con il Centro Italiano per l'ADHD Laura Ricci, trainer Oceanic Bodywork Aqua e Watsu, creatrice de La non Ginnastica® e coofondatrice di Aquamialgia®.

Lavoro in acqua da oltre 15 anni, prima come insegnante di fitness poi nella dimensione olistica; porto in acqua disabili, fibromialgici e con chiunque desideri provare a vivere emozioni attraverso l’Acqua.


Acqua calda e bambini con ADHD


L’Acqua rappresenta ,per me, una forma di arte unica: una risorsa potente, gioiosa, silenziosa, accogliente e “riparatrice”.

L’Oceanic Bodywork Aqua ha come principio fondante la profondità e il contatto delle memorie prenatali, si esplora l’acqua a 360° sia in superficie che sotto. Con OBA si possono mobilizzare tutte le articolazioni e anche portare allungamenti là dove ci sia la necessità. La preferisco al watsu che porta sì un riequilibrio psicofisico ma lavora solo in . superficie.

Nella sua totale accoglienza ( Acqua calda a 34°/35°) i bambini con ADHD potrebbero trovare un naturale rilassamento a livello muscolare in assenza di gravità e un elemento dove poter sfogare senza alcun danno l’impulsività motoria e verbale.

Attraverso l’acqua il bambino può lavorare sulla propria percezione e attenzione, sul contatto fisico e la fiducia, sul gioco.

Interessante è esplorare il sopra e il sotto acqua e lavorare quindi sulla respirazione.

Grazie alle tecniche di rilassamento previste, il bambino può sperimentare culle, massaggi rilassanti sui muscoli tesi o ipertonici sdraiati su cuscini e tubi; passare da uno stato di relax al gioco sempre “guidato” dall’operatore.

Gli obiettivi del lavoro in acqua calda verso l’ADHD sono:

  • Regolare il respiro attraverso l’alternanza del sopra e sotto acqua con conseguente senso di benessere e calma.
  • Imparare a sentirsi radicati in acqua sempre guidati da pratica di respiro immaginando di essere piccoli alberi che vengono piantati e che, radicandosi sul fondo della vasca (respiro /piedi) possono crescere verso il cielo e via via immaginare paesaggi e animali .
  • Migliorare il senso di ascolto e fiducia attraverso il gioco
  • Stimolare la verbalizzazione di emozioni provate ricevendo movimenti e posizioni particolari in acqua
  • Dare risalto al silenzio come ascolto interno
  • Rilassare attraverso tocchi e massaggi
  • Cambiare ritmo degli impulsi motori coadiuvati dalla resistenza dell’acqua e di ausili come tubi e/o galleggianti ; imparare a correre sospesi, gestire i tubi con i piedi e altre attività simili
  • Stimolare l’interattività attraverso giochi

Centro Clinico Italiano ADHD © All Rights Reserved

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Impara di più
Accetta